Utilizziamo cookie per personalizzare contenuti e annunci, fornire funzionalità dei social media e analizzare il traffico. Inoltre, forniamo ai partner di social media, pubblicità e analisi informazioni su come utilizzi il nostro sito web. Continuando a utilizzare il nostro sito Web, accetti i nostri cookie.
Nota bene: le gomme sono consegnate senza cerchioni (Il cerchione nell'immagine è a scopo puramente rappresentativo).
Toyo

Toyo Proxes R888R

225/45 R17 94W

Toyo - Pneumatico prodotto in Giappone, nel segmento di prezzo medio, specialità pneumatici ad alte prestazioni.

Dimensione dello pneumatico
225/45 R17 94W 
Disponibilità
al momento, questo prodotto non è a magazzino
Tipo di pneumatico
So Pneumatici estivi
Indice di velocità
W: Approvato  fino a 270 km/h
EAN
4981910772163
Numero dell'articolo
GI-R-283558GA
DEX
Recensione cliente
(6)
al momento, questo prodotto non è a magazzino
Consegna gratuita*
giorni lavorativi**
30 giorni diritto di reso
4000+ partner di montaggio

Aggiungi un prodotto da confrontare

NEW Sviluppato per la pista, il nuovo Proxes R888R assicura un'eccellente tenuta nell'utilizzo in pista. Questo prodotto offre prestazioni costanti fin dal primo giro di pista, mantenendo invariate le sue performance indipendentemente dai giri percorsi e dai cicli di calore cui è sottoposto. Queste migliorate caratteristiche garantiscono un vantaggio nelle competizioni su pista asciutta. Il nuovo Proxes R888R è omologato anche per l'utilizzo stradale.

Blocco spalla esterno ampio

Blocco spalla ampio

- tenuta su asciutto

- eccellente trazione

Mescola GG

Speciale mescola GG

- ottimo Warm Up

Ampia scanalatura centrale

- mantenimento della temperatura

 Etichettatura UE pneumatici / Classi di efficienza
Etichettatura UE pneumatici / Classi di efficienza

L'Unione Europea ha introdotto l'etichetta UE dei pneumatici con il regolamento n. 1222/2009 e in modo identico e vincolante per tutti gli stati membri dell'Unione. Si applica a pneumatici per autovetture, pneumatici per veicoli commerciali leggeri e pneumatici per veicoli commerciali pesanti prodotti dopo il 01.07.2012.

Sono tre le aree a essere testate: la resistenza al rotolamento, l'aderenza sul bagnato e il rumore di rotolamento prodotto dallo pneumatico su strada.

Non sono interessati dall'etichetta UE dei pneumatici: pneumatici ricostruiti, pneumatici fuoristrada professionali, pneumatici da corsa, pneumatici con dispositivi aggiuntivi per migliorare la trazione come pneumatici chiodati, pneumatici di emergenza di tipo T, pneumatici speciali per il montaggio su veicoli immatricolati prima del 1 ottobre 1990, pneumatici con una velocità massima autorizzata di 80 km/h, pneumatici per cerchioni con un diametro nominale di 254 mm o inferiore, oppure di 635 mm o più.

Con questo regolamento, l'Unione Europea cerca in primo luogo di promuovere maggiore efficienza economica ed ecologica nel traffico stradale, aumentando anche la sicurezza stradale; in secondo luogo, cerca inoltre di garantire ai consumatori una maggiore trasparenza del prodotto in modo da aiutarli nella scelta al momento dell'acquisto.

Già durante l'incorporazione di questo regolamento, gli esperti del settore hanno criticato alcuni aspetti dell'etichetta UE dei pneumatici. L'etichetta, infatti, mostra solo alcune caratteristiche del prodotto. Tuttavia, oltre alla resistenza al rotolamento, all'aderenza sul bagnato e al rumore di rotolamento, che sono i principali aspetti presi in analisi dall'etichettatura dei pneumatici dell'UE, i pneumatici hanno caratteristiche di prodotto molto più importanti e rilevanti per la sicurezza, come le performance in aquaplaning, la stabilità di guida, la loro durata, le loro capacità di frenata sull'asciutto e sul bagnato, il loro comportamento in condizioni invernali, ecc.

I produttori di pneumatici sottolineano che i risultati dei test effettuati da varie istituzioni e riviste rimangono un importante mezzo di informazione per il consumatore. Questi test di solito si concentrano su ulteriori caratteristiche del prodotto importanti per la sicurezza oltre alle qualifiche standard dell'UE per l'etichettatura dei pneumatici, che rimangono comunque una parte fondamentale della scelta dei consumatori su quale pneumatico acquistare o meno.

Recensioni dei clienti PROXES R888R

Una media di 23 giudizi di prove
Stabilità sulla strada asciutta
Caratteristica di frenaggio sulla strada asciutta
Stabilità sulla strada bagnata
Caratteristica di frenaggio sulla strada bagnata
Stabilità su neve  N/A
Comodità
Rumore della gomma (interna)
Consumo della gomma
Consumo di carburante
Chilometri guidati 2.322

05.12.2018 di Brat
Lo pneumatico l'ho usato solo in pista fino a consumare interamente il battistrada. Per la misura, per l'auto e per lo scopo è senza dubbio la soluzione migliore disponibile prima di passare a delle slick serie. Pressione A CALDO consigliata per questa misura non deve superare i 2.30 bar (oltre quel valore tende a scivolare). Non ha la spalla durissima, quindi con la spalla alta è meglio che non sia troppo sgonfio. Si scalda rapidamente e non ha grossi problemi di surriscaldamento (sicuramente si scalda prima il motore), anche se va sicuramente meglio quando l'asfalto è un po' più freddo (l'ho usato però solo d'estate e con molto caldo, presumo che in inverno le cose migliorino ulteriormente, i miei erano treadwear 100). Su pioggia battente o pista bagnata a mio parere sconsigliabile, se non per esercitarsi nel controllo (ma con pista libera!), francamente è un po' sprecato sul bagnato, meglio usare una gomma più specifica. Con pista umida o pioggia leggera invece non ci sono problemi, anzi, quasi sorprendente per direzionalità. A mio parere è uno spreco usarlo per strada dove è impossibile valorizzarne le doti e dove bisogna stare molto attenti quando piove. Se non ci dovete tornare a casa, si può usare fino alla quasi completa usura del battistrada: ho osservato che sull'asciutto, anche se tende ad usurarsi un po' irregolarmente (con la guida da pista) e quindi a generare sensibili vibrazioni, le performance non peggiorano troppo anche quando il battistrada è praticamente a zero. In foto dopo più di 600km dopo una giornata molto calda e prestazioni ineccepibili. Con me ha retto 800 km su asfalto molto abrasivo e guida relativamente pulita, ma sempre al limite, incrociandole ogni 100-200 km, forse avrei potuto farne anche altri 100-200 usando il battistrada fino all'ultimo, ma non volevo rischiare. Su un asfalto meno aggressivo la durata può essere credo superiore.

05.12.2018 di Brat
Lo pneumatico l'ho usato solo in pista fino a consumare interamente il battistrada. Per la misura, per l'auto e per lo scopo è senza dubbio la soluzione migliore disponibile prima di passare a delle slick serie. Pressione A CALDO consigliata per questa misura non deve superare i 2.30 bar (oltre quel valore tende a scivolare). Non ha la spalla durissima, quindi con la spalla alta è meglio che non sia troppo sgonfio. Si scalda rapidamente e non ha grossi problemi di surriscaldamento (sicuramente si scalda prima il motore), anche se va sicuramente meglio quando l'asfalto è un po' più freddo (l'ho usato però solo d'estate e con molto caldo, presumo che in inverno le cose migliorino ulteriormente, i miei erano treadwear 100). Su pioggia battente o pista bagnata a mio parere sconsigliabile, se non per esercitarsi nel controllo (ma con pista libera!), francamente è un po' sprecato sul bagnato, meglio usare una gomma più specifica. Con pista umida o pioggia leggera invece non ci sono problemi, anzi, quasi sorprendente per direzionalità. A mio parere è uno spreco usarlo per strada dove è impossibile valorizzarne le doti e dove bisogna stare molto attenti quando piove. Se non ci dovete tornare a casa, si può usare fino alla quasi completa usura del battistrada: ho osservato che sull'asciutto, anche se tende ad usurarsi un po' irregolarmente (con la guida da pista) e quindi a generare sensibili vibrazioni, le performance non peggiorano troppo anche quando il battistrada è praticamente a zero. In foto dopo più di 600km dopo una giornata molto calda e prestazioni ineccepibili. Con me ha retto 800 km su asfalto molto abrasivo e guida relativamente pulita, ma sempre al limite, incrociandole ogni 100-200 km, forse avrei potuto farne anche altri 100-200 usando il battistrada fino all'ultimo, ma non volevo rischiare. Su un asfalto meno aggressivo la durata può essere credo superiore.

05.12.2018 di Brat
Lo pneumatico l'ho usato solo in pista fino a consumare interamente il battistrada. Per la misura, per l'auto e per lo scopo è senza dubbio la soluzione migliore disponibile prima di passare a delle slick serie. Pressione A CALDO consigliata per questa misura non deve superare i 2.30 bar (oltre quel valore tende a scivolare). Non ha la spalla durissima, quindi con la spalla alta è meglio che non sia troppo sgonfio. Si scalda rapidamente e non ha grossi problemi di surriscaldamento (sicuramente si scalda prima il motore), anche se va sicuramente meglio quando l'asfalto è un po' più freddo (l'ho usato però solo d'estate e con molto caldo, presumo che in inverno le cose migliorino ulteriormente, i miei erano treadwear 100). Su pioggia battente o pista bagnata a mio parere sconsigliabile, se non per esercitarsi nel controllo (ma con pista libera!), francamente è un po' sprecato sul bagnato, meglio usare una gomma più specifica. Con pista umida o pioggia leggera invece non ci sono problemi, anzi, quasi sorprendente per direzionalità. A mio parere è uno spreco usarlo per strada dove è impossibile valorizzarne le doti e dove bisogna stare molto attenti quando piove. Se non ci dovete tornare a casa, si può usare fino alla quasi completa usura del battistrada: ho osservato che sull'asciutto, anche se tende ad usurarsi un po' irregolarmente (con la guida da pista) e quindi a generare sensibili vibrazioni, le performance non peggiorano troppo anche quando il battistrada è praticamente a zero. In foto dopo più di 600km dopo una giornata molto calda e prestazioni ineccepibili. Con me ha retto 800 km su asfalto molto abrasivo e guida relativamente pulita, ma sempre al limite, incrociandole ogni 100-200 km, forse avrei potuto farne anche altri 100-200 usando il battistrada fino all'ultimo, ma non volevo rischiare. Su un asfalto meno aggressivo la durata può essere credo superiore.

05.12.2018 di Brat
Lo pneumatico l'ho usato solo in pista fino a consumare interamente il battistrada. Per la misura, per l'auto e per lo scopo è senza dubbio la soluzione migliore disponibile prima di passare a delle slick serie. Pressione A CALDO consigliata per questa misura non deve superare i 2.30 bar (oltre quel valore tende a scivolare). Non ha la spalla durissima, quindi con la spalla alta è meglio che non sia troppo sgonfio. Si scalda rapidamente e non ha grossi problemi di surriscaldamento (sicuramente si scalda prima il motore), anche se va sicuramente meglio quando l'asfalto è un po' più freddo (l'ho usato però solo d'estate e con molto caldo, presumo che in inverno le cose migliorino ulteriormente, i miei erano treadwear 100). Su pioggia battente o pista bagnata a mio parere sconsigliabile, se non per esercitarsi nel controllo (ma con pista libera!), francamente è un po' sprecato sul bagnato, meglio usare una gomma più specifica. Con pista umida o pioggia leggera invece non ci sono problemi, anzi, quasi sorprendente per direzionalità. A mio parere è uno spreco usarlo per strada dove è impossibile valorizzarne le doti e dove bisogna stare molto attenti quando piove. Se non ci dovete tornare a casa, si può usare fino alla quasi completa usura del battistrada: ho osservato che sull'asciutto, anche se tende ad usurarsi un po' irregolarmente (con la guida da pista) e quindi a generare sensibili vibrazioni, le performance non peggiorano troppo anche quando il battistrada è praticamente a zero. In foto dopo più di 600km dopo una giornata molto calda e prestazioni ineccepibili. Con me ha retto 800 km su asfalto molto abrasivo e guida relativamente pulita, ma sempre al limite, incrociandole ogni 100-200 km, forse avrei potuto farne anche altri 100-200 usando il battistrada fino all'ultimo, ma non volevo rischiare. Su un asfalto meno aggressivo la durata può essere credo superiore.

Visualizza più recensioni
*IVA e spese di spedizione sono già comprese nel prezzo. Italia.
**Più del 90% dei nostri ordini arriva al cliente entro i tempi di consegna previsti.